dal_comune.jpg
Ti trovi qui:Home»Dal Comune

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Il Consiglio comunale, nella seduta del 24 giugno, ha approvato il Piano dei servizi sociali e socio-sanitari per il triennio 2021-2023. La nuova programmazione contiene i servizi e le azioni prioritarie da realizzare per la salute e il benessere sociale della comunità, orienta gli indirizzi per costruire un sistema equo di interventi e servizi sociali e socio-sanitari con l’obiettivo di integrare le politiche di welfare, le professionalità, i numerosi attori, pubblici e privati, in una fase storica contraddistinta da bisogni crescenti di salute, benessere e coesione sociale.

Alla elaborazione del Piano hanno partecipato l’Azienda sanitaria di Matera, le organizzazioni e gli enti del terzo settore, della cooperazione, le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, gli enti ecclesiali, le organizzazioni datoriali e tutte le organizzazioni che operano sul territorio e offrono servizi sociali, psicologici, socio sanitari.

In occasione del G20 dei ministri degli Esteri e della Cooperazione allo Sviluppo, che si svolgerà a Matera il prossimo 29 giugno, sono state adottate una serie di misure che riguardano le attività commerciali e che modificano le disposizioni previste dall’ordinanza del 21 giugno scorso.

Le misure di sicurezza recepiscono le esigenze emerse nel corso delle riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza e dei tavoli tecnici presso la Questura di Matera.

La nuova ordinanza, emessa in data odierna, dispone la rimozione entro le ore 23.59 del 26 giugno di tutti gli arredi (vasi, panchine, fioriere, ombrelloni, totem pubblicitari, cestini, portacenere, dehors, pedane, tavoli e sedie) a servizio dei pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande e delle altre attività commerciali, artigianali e di servizi ubicati lungo le seguenti strade e piazze

 La proposta progettuale per la riqualificazione del centro socio- educativo e la realizzazione di sei alloggi a canone moderato per l’utilizzo temporaneo è stata presentata ieri sera nel corso di un incontro tra amministratori e cittadini che si è svolto in via Giustino Fortunato.

All’iniziativa, insieme agli abitanti del quartiere, hanno partecipato l’assessore a Città Territorio, Rosa Nicoletti, il presidente del Consiglio comunale, Antonio Materdomini, numerosi consiglieri comunali e l’amministratore unico dell’Ater, Lucrezia Guida, il dirigente della stessa Azienda, Pasquale Lionetti, ed il progettista, Giuseppe Caracciolo.

Il Consiglio comunale è convocato per giovedì 24 giugno alle ore 16,00 in seduta straordinaria (seconda convocazione, mercoledì 30 giugno alla stessa ora) presso l’aula magna dell’istituto tecnico industriale “Pentasuglia” in via Mattei.

Questo l’ordine del giorno dei lavori dell’Assemblea:

1 - Interrogazioni: interrogazione a firma del consigliere Nicola Casino avente ad oggetto “Esecutività del nuovo regolamento del copro di Polizia Locale del Comune di Matera”; interrogazione a firma dei consiglieri Francesco Lisurici, Rocco Luigi Sassone e Nicola Casino avente ad oggetto “Opportunità della nomina dell’architetto Marcello Corrado a rappresentante del Comune di Matera nel Comitato scientifico del Museo Nazionale di Matera”.

In occasione del G20 dei ministri degli Esteri e della Cooperazione allo Sviluppo, che si svolgerà a Matera il prossimo 29 giugno, sono state adottate disposizioni urgenti relative alla raccolta dei rifiuti.

Le misure di sicurezza recepiscono le esigenze emerse nel corso delle riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza e dei tavoli tecnici presso la Questura di Matera.

L’ordinanza sospende la raccolta dei rifiuti con il sistema “porta a porta” nei giorni 28 e 29 giugno nei seguenti rioni e lungo le seguenti strade urbane oltre che nelle zone da esse delimitate: Sasso Barisano, Sasso Cavoso, via Aldo Moro (dall’intersezione con via Cappelluti all’intersezione con via Rosselli), piazzale Aldo Moro, via La Malfa (dalla rotatoria di accesso al piazzale del Comune all’intersezione con via Moro), via Roma (dall’intersezione con via Lucana a piazza Matteotti), via De Viti De Marco, via De Lorenzo, piazza Matteotti, via Matteotti, via Guerrieri (già vico I Cappelluti),

Istituzione di nuove zone a traffico limitato e nuova regolamentazione della circolazione in alcune zone del centro storico. Il provvedimento nasce da un confronto costruttivo con i residenti e con i gestori delle attività commerciali e prevede, tra l’altro, l’istituzione delle ztl Ridola, Casalnuovo, Stigliani con le seguenti modalità:

Ztl Ridola: divieto di transito veicolare tutti i giorni della settimana dalle ore 20.30 alle ore 02.00 del giorno successivo (eccetto i veicoli delle categorie autorizzate). L’accesso sarà consentito attraverso il varco di via Duni-angolo Via Lucana, con direzione verso via Ridola.

Ztl Casalnuovo: divieto di transito veicolare tutti i giorni della settimana dalle ore 20.30 alle ore 02.00 del giorno successivo, eccetto i veicoli delle categorie autorizzate. L’accesso sarà consentito attraverso il varco di via Casalnuovo con direzione verso via Ridola.

In occasione del G20 dei ministri degli Esteri e della Cooperazione allo Sviluppo, che si svolgerà a Matera il prossimo 29 giugno, sono state adottate una serie di misure che riguardano le attività commerciali, le scuole e gli uffici comunali.

Le misure di sicurezza recepiscono le esigenze emerse nel corso delle riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza e dei tavoli tecnici presso la Questura di Matera.

Attività produttive e commerciali

Dalle ore 04:00 del giorno 28 giugno alle ore 09:00 del giorno 30 giugno, chiusura al pubblico delle attività commerciali e produttive nonché di prestazione di servizi ubicate nell’area delimitata fra via Lucana, dall’intersezione con via Scotellaro all’intersezione con via Ridola, via Scotellaro, via del Corso, nel tratto compreso fra la confluenza con via Ridola e l’intersezione con via Scotellaro, via San Francesco, piazza San Francesco, piazza Sedile, via Ridola, via Casalnuovo fino a vico III Casalnuovo e comunque in tutto il rione Caveoso, comprendente via Buozzi, via Madonna delle Virtù nel tratto compreso fra piazza San Pietro Caveoso e piazza Porta Pistola, esclusa, e le strade, gradinate, terrazze, affacci che dal piano adducono allo stesso rione Caveoso.

Venerdì 18 giugno il sindaco, Domenico Bennardi, ha ricevuto in municipio il direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Giovanni Oliva, nominato ieri nel corso della riunione del Consiglio di amministrazione.

“L’Amministrazione comunale – ha detto il sindaco - non ha mai fatto mancare la disponibilità alla collaborazione e alla ricerca di soluzioni che consentano di portare la Fondazione fuori dal guado, di tornare ad essere operativa e capitalizzare il lungo e importante percorso avviato già da un decennio. Giovanni Oliva potrà essere una guida autorevole e competente per raccogliere la feconda eredità dell’anno da Capitale europea della cultura e riannodare i fili anche con istituzioni culturali internazionali che in questi anni hanno avuto Matera come punto di riferimento. Ci sono, oggi, tutte le condizioni per il rilancio attraverso una stretta collaborazione operativa tra Comune e Fondazione. L’industria culturale – ha proseguito Bennardi - è il modello di sviluppo sul quale puntiamo per proseguire a proiettare nel futuro quello che il 2019 ha significato per l’Europa”.

Le ricadute sul territorio della produzione della fiction di Rai Uno “Imma Tataranni – sostituto procuratore”, sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa che si è svolta questa mattina a Matera presso il santuario di Picciano, uno dei luoghi che ha fatto da quinta alla seconda stagione della fortunata serie televisiva ispirata ai romanzi della scrittrice Mariolina Venezia.

Le stime, non ancora definitive, della cosiddetta “spesa sul territorio” sono state illustrate dal sindaco, Domenico Bennardi.

L’impatto diretto è stato di 1 milione e 200 mila euro complessivi così distribuiti nelle principali voci di spesa: 300 mila euro i costi per il reparto produzione, tecnici e maestranze; per gli attori secondari (240 presenze), il costo è stato di 44 mila euro; circa 25 mila euro sono stati spesi per il lavoro di pre-organizzazione e per i sopralluoghi; 30 mila euro per i veicoli di scena; 35 mila euro per gli animali di scena; per i fabbisogni scenografici, 40 mila euro; per le location, 60 mila euro; i pernotti della troupe nelle strutture ricettive sono costati 200 mila euro; per il catering la spesa è stata di 90 mila euro; 26 mila per il materiale logistico di produzione; 30 mila per le misure di prevenzione del covid; oltre ad una serie di costi diversi.

“Ridare centralità allo sviluppo dell'ospedale Madonna delle Grazie superando la logica dell'ospedale unico regionale. La nascente facoltà di Medicina non deve vedere esclusa la città di Matera”: è un passaggio dell’ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio comunale aperto che si è svolto questa mattina nell’aula magna dell’istituto tecnico industriale “Pentasuglia”. 
Il documento approvato da tutti i consiglieri comunali presenti investe il sindaco e la giunta di tutte le azioni da mettere in atto per il “Diritto alla salute e alla sanità nel territorio del Materano”.

Nel corso del dibattito in Consiglio sono intervenuti anche l’assessore regionale alla Salute, Rocco Leone, i consiglieri regionali Vincenzo Acito, Giovanni Perrino, Roberto Cifarelli e Luca Braia, i sindaci di Pisticci, Stigliano e Irsina, oltre al presidente della Provincia, Piero Marrese.  Ai lavori ha partecipato anche il dottor Angelo Andriulli, che ha illustrato un’analisi sulla rete ospedaliera della Basilicata, basandosi sui dati del ministero della Salute.